Traduttori:  12143
Autori:  2315
Libri:  2781

Dettaglio libro

LE MANI DI LEO

LE MANI DI LEO

Copertina Dettagli

Autore: Andrea Lepri

Leo è un cane poliziotto, un meticcio con la passione per i Looney Tunes. Ha sempre desiderato avere le mani per poter gestire il telecomando della tivù e il frigorifero, ma quando il suo padrone Steve rimane ucciso in un agguato, il suo desiderio diventa una vera e propria fissa, perché le mani sono l`unico mezzo che gli consentirebbe di smascherare l`assassino e fare giustizia. Da quel momento in poi si troverà coinvolto in una spirale di avventure durante le quali ”prenderà a prestito” le mani di altri personaggi, incontrati lungo un tortuoso cammino che lo porterà di volta in volta sempre più vicino all`assassino, fino al “faccia a faccia” finale.


Leo è una cane poliziotto atipico, un meticcio con la passione per i cartoni animati. Fin da quand’era cucciolo desidera avere le mani, è convinto che queste renderebbero la sua esistenza più facile e più piacevole. La sua vita scorre tranquilla finché il suo compagno Steve, un agente della Squadra Speciale, rimane ucciso in un agguato architettato da un collega corrotto in un capannone abbandonato. Durante l’imboscata Steve perde il registratore che aveva portato con sé per smascherarlo, l’assassino fugge e il registratore cade in una fessura nel pavimento. Leo capisce che quell’oggetto è molto importante, ma non è in grado di recuperarlo perché non ha le mani. Al funerale di Steve, Leo riconosce il suo assassino e lo attacca per ucciderlo. Il Comandante della Centrale di Polizia crede che il cane sia impazzito dalla rabbia e dal dispiacere, così lo manda dal veterinario affinché venga soppresso. Il veterinario, però, anziché fare il proprio dovere, lo vende ad un laboratorio ove si fanno esperimenti sugli animali. Lì Leo fa amicizia con Giotto, uno scimpanzé che ama dipingere e sa esprimersi a gesti. I due sono consapevoli che al termine degli esperimenti il direttore del laboratorio farà “sparire” tutte le prove, così progettano e attuano la fuga. Adesso Leo ha a disposizione le mani del suo nuovo amico per recuperare il registratore, anche se per vincere le sue reticenze deve raccontargli una piccola bugia. Dopo la rocambolesca evasione, una buona cena e una piccola “ciucca” durante la quale si confidano reciprocamente, i due si recano sul luogo del delitto. Poco dopo che sono entrati nel capannone,però, arriva anche l’assassino in compagnia di un complice: anche loro sono alla ricerca del registratore. L’assassino ferisce Leo e si appropria del registratore, Giotto scappa via spaventato. Leo riesce a fuggire e viene raccolto da Italo, un investigatore privato piuttosto scalcinato. Mentre si allontanano in auto, l’assassino li vede e si annota il numero di targa. Italo si prende cura di Leo, che durante la convalescenza tenta di far sbocciare l’amore tra lui e Stefania, la sua vicina di casa, e di fare amicizia con Barbie, la canina di lei. Barbie all’inizio lo ignora, ma quando Leo la salva da un Dobermann lei se ne innamora. Intanto Leo deve vedersela anche con Puffi, un gatto persiano molto furbo e dispettoso. Proprio sul più bello di una cena romantica, una telefonata fa partire Italo, e Leo con lui, per un colloquio di lavoro. Ma in realtà si tratta di un tranello preparato dall’assassino, il quale ha organizzato tutto e ha manomesso i freni dell’auto di Italo. I due finiscono con l’auto in una scarpata e Leo si risveglia all’ospedale, lì scopre che il suo corpo è morto e che lui è finito chissà come in quello di Italo, che è scomparso. Questa nuova situazione lo terrorizza, ma dopo essersi ripreso trova subito il lato positivo: adesso che è un uomo potrà finalmente dare una bella lezione a Puffi, e soprattutto potrà tentare di smascherare il suo nemico. Ma essere uomini non è facile e Leo incontra diversi problemi, come ad esempio il rapporto con Stefania, che adesso lo vede strano, e quello con Barbie, che l’ha riconosciuto e lo accusa di tradimento. Inoltre deve imparare a parlare e lavarsi, vestirsi e fare la spesa, procurarsi denaro e fare tutto quello che fanno gli altri uomini. Rassegnato a restare per sempre in quella situazione, Leo sta riflettendo sul da farsi quando improvvisamente compare il fantasma di Italo che rivendica il proprio corpo. Leo gli spiega come stanno le cose e gli racconta del poliziotto corrotto, dell’agguato a Steve e tutto il resto. Italo racconta poi a Leo che per un errore era finito nel paradiso dei cani al posto suo e glielo descrive, invogliandolo così a restituirgli il corpo. I due si accordano decidendo che faranno arrestare l’assassino, dopodiché, anche se ancora non sanno come fare, Leo restituirà il corpo ad Italo e se ne andrà felice in paradiso. Intanto Italo vieta a Leo di avere qualsiasi tipo di rapporto con Stefania, perché anche se i due non riescono a dichiararsi il reciproco interesse ne è gelosissimo. Leo vorrebbe invece aiutarlo, vorrebbe dare a Stefania quel tanto desiderato bacio che Italo non ha mai trovato il coraggio di darle. E’ convinto che così sboccerebbe un amore di cui, una volta che lui se ne sarà andato, potrà godere Italo. I due cominciano a indagare per rintracciare l’assassino e tendergli una trappola, quando sono ormai a buon punto incontrano Stefania. Lei invita a cena Leo credendolo Italo, malgrado quest’ultimo tenti in tutti i modi di vietarglielo, Leo accetta per non deluderla. Così i rapporti tra Italo e Leo si fanno tesi, infatti Italo teme che il comportamento sconsiderato di Leo possa danneggiare il suo corpo, il suo portafogli e soprattutto il suo rapporto con Stefania. Alla fine Leo, malgrado le difficoltà, accetta l’invito di Stefania e organizza un incontro con l’assassino per la sera dopo. A partire da quel momento, n

Genere: FICTION / Fantasy / Paranormale
Genere secondario: FICTION / Mistero e Investigativo / Poliziesco
Lingua: Italiano
Conteggio parole: 48155
Link libro:  Amazon